INCONTRIAMO LA RUSSIA

Marzo 2013. Incontro importante e propositivo quello con l’Accademia Internazionale del Turismo di Mosca che si è confrontata con quel forte senso di appartenenza che ha permesso al nostro Territorio di costruire un nuovo sviluppo economico rurale. L’Accademia moscovita che conta 20.000 studenti con sedi in 15 città russe prepara i professionisti del settore ed è interessata a firmare un Protocollo d’intesa con E.A.R.T.H. Academy (European Academy for Rural Territories Hospitality)ai fini di costruire nuove reti per diffondere il modello agrituristico quale fattore guida nello sviluppo territoriale integrato e sostenibile, in stretta connessione  con le attività agricole, aprendo nuovi spazi di mercato alle produzioni tipiche e tradizionali, facendo conoscere le produzioni dell’artigianato locale e svolgendo, più in generale, una funzione di marketing territoriale. 

Investire sui giovani e dare loro adeguate opportunità è sicuramente la strada giusta verso un futuro in cui l’agricoltura e le attività collegate, tornano ad essere al centro dei nostri progetti e l’Accademia è la rete per promuovere e divulgare  questo  modello facendo sinergia organizzativa e moltiplicando le opportunità per i soggetti aderenti, per la creazione di nuova imprenditorialità, per diffondere nuovi stili di vita, per un nuovo sviluppo dei territori rurali.

INCONTRIAMO IL GIAPPONE

Marzo 2013. Dal Giappone imprenditori, amministratori e studenti della “Chuo University” di Tokyo e dalla “Doshisha University” di Kyoto, per un programma di incontri sul nostro Territorio, organizzato da E.A.R.T.H. Academy, nell’ambito di una proficua collaborazione intrapresa da oltre un decennio con le Università giapponesi e con la professoressa Hiroko Kudo, coordinatrice della delegazione. Un intenso programma di lavoro che ha l’obiettivo di soddisfare la conoscenza reciproca dei due Paesi e far conoscere il nostro mondo rurale, il nostro modello innovativo di turismo basato sull’integrazione fra ospitalità, alimentazione, qualità dell’ambiente, wellness, cultura, arte, terme e tradizioni. Guide, cartine, siti web, blog, forum e social network sono solo alcuni degli strumenti attualmente utilizzati per la promozione dei prodotti turistici. Ma niente vale “una stretta di mano” e una giornata vissuta fra amici che permette di “raccontare” il Territorio dando vita ad una comunicazione completa ed emozionale, pur nella consapevolezza che turismo e nuove tecnologie rappresenteranno un binomio sempre più indissolubile. Perché nel settore turistico sono le piccole imprese a tutelare il Territorio e le sue peculiarità, ma senza un’adeguata rete non sarà mai possibile raggiungere quel grado di competitività che consente di imporsi nel mercato.